Dall'Askja ad H˙savÝk visitando le cascate sul J÷kulsß ß Fj÷llum

Itinerario in moto con un percorso di 250 km verso le cascate di Selfoss, Dettifoss, Hafragilsfoss.


Visualizza Islanda in una mappa di dimensioni maggiori

Itinerario

  • Drekagil;
  • Pista F88 Ískjulei­;
  • Her­ubrei­;
  • Hrossaborg;
  • Hringvegur;
  • Strada 862 Dettifossvegur;
  • Selfoss;
  • Dettifoss;
  • Hafragilsfoss;
  • Nßmaskar­;
  • Mřvatn;
  • Strada 87 KÝsilvegur;
  • H˙savÝk.

Percorso

Dall'Askja siamo tornati verso l'Hringvegur con la Pista F88 (Ískjulei­) correndo sul bordo orientale dell'enorme campo di lava dell'Ëdß­ahraun. La pista caratterizzata da guadi abbastanza profondi sugli affluenti di sinistra del fiume J÷kulsß ß Fj÷llum; Ŕ quindi bene percorrere la pista la mattina presto, quando lo scioglimento dei ghiacci non Ŕ ancora ripreso con il salire della temperatura durante il giorno. Nei guadi pi¨ impegnativi l'acqua pu˛ arrivare quasi a coprire il cerchio della ruota anteriore, ma in genere si riescono ad affrontare in maniera un po' pi¨ rilassata rispetto a quelli della F910 grazie all'esperienza acquisita all'andata.

Guado sulla pista F88
Guado sulla pista F88

Per il resto la F88 Ŕ molto meno impegnativa della F910: i banchi di sabbia sono rari e si pu˛ percorrere la pista a velocitÓ vicine al limite di 80km/h previsto per gli sterrati, anche se improvvisi banchi di ghiaia o lunghi tratti di t˘le onduleÚ non permettono di abbassare mai l'attenzione. Lungo la pista si passa vicino all'Her­ubrei­, un vulcano a cima piatta e versanti ripidi formatosi con l'eruzione di lava attraverso uno spesso strato di ghiaccio. Nei pressi del vulcano Ŕ stata realizzata un'oasi chiamata Her­ubrei­arlindir, dove si trova anche una sede dei Ranger delle Highland (coordinate 65░ 11.560, -16░ 13.390). Altra meta turistica che si trova quasi all'arrivo della F88 sulla Hringvegur Ŕ Hrossaborg, un cratere diroccato nel quale Ŕ possibile accedere con un breve tratto di strada secondaria.

Sfilando in moto l'Her­ubrei­
Sfilando in moto l'Her­ubrei­

Tornati sull'Hringvegur, ci siamo diretti verso nord sulla Strada 862 (Dettifossvegur) per visitare la serie ravvicinata delle cascate Selfoss, Dettifoss e Hafragilsfoss lungo il fiume J÷kulsß ß Fj÷llum. La strada Ŕ asfaltata fino a Dettifoss mentre si prosegue in fuoristrada verso Hafragilsfoss; Selfoss, invece, si raggiunge a piedi da Dettifoss in direzione sud. Dettifoss Ŕ tra le cascate maggiori d'Europa in termini di volume d'acqua: la forza dell'acqua che si getta nel salto di pi¨ di 40 metri con un fronte di 100 metri Ŕ effettivamente uno spettacolo impressionante.

La cascata di Dettifoss
La cascata di Dettifoss

Tornati sulla Hringvegur, il viaggio Ŕ proseguito in direzione del lago Mřvatn. Da lontano si scorgono facilmente i colori dei minerali sul monte Nßmafjall nella zona geotermale di Krafla. La zona Ŕ ricca di sorgenti calde, sfruttate per una centrale geotermica; testimonianza dell'attivitÓ vulcanica della zona Ŕ anche la caldera di Viti, omonima di quella che si trova sull'Askja. Nei pressi del passo Nßmaskar­ sulla Hringvegur, poi, si scopre la zona geotermale di Hverir; l'atmosfera Ŕ irreale, con colonne di vapori sulfurei che si alzano da una pianura costellata da pozze di fango bollente: sembra veramente di essere scesi all'inferno.

La zona geotermale di Nßmaskar­
La zona geotermale di Hverir

Ultimo tratto della tappa in direzione nord subito dopo il lago Mřvatn, per raggiungere H˙savÝk con la Strada 87 (KÝsilvegur).

Riferimenti

Continua