La capitale e la penisola di Reykjanes

Itinerario in moto con un percorso di 100 km Sulla F41.


Visualizza Islanda in una mappa di dimensioni maggiori

Itinerario

  • ReykjavÝk;
  • Strada 41 Reykjanesbraut;
  • Strada 45 Gar­skagavegur;
  • Gar­ur;
  • Sandger­i;
  • Strada 425 Nesvegur;
  • Reykjanesviti;
  • Gunnuhver;
  • GrindavÝk.

Percorso

Dopo il record di percorrenza della tappa precedente, ci siamo concessi una mezza giornata di sosta a Reykjavik. Tra le esigenze di natura logistica, quella di sostituire le gomme tassellate, ormai non pi¨ in grado di garantire il ritorno a casa, con delle gomme stradali. In questo, c'Ŕ stata la conferma della difficoltÓ di trovare parti di ricambio per moto in Islanda, difficoltÓ che ci avevano spinto a portare all'andata le tassellate dall'Italia.

Il viaggiatore solare (Sˇlfar) di Jˇn Gunnar ┴rnason sul lungomare a Reykjavik
La scultura del viaggiatore solare (Sˇlfar) di Jˇn Gunnar ┴rnason sul lungomare a Reykjavik

Altra attivitÓ Ŕ stata quella di fare un giro per la cittÓ. Il centro pedonale (Mi­borg) Ŕ abbastanza limitato e si concentra nei pressi dello stagno Tj÷rnin, dove si trovano i principali edifici pubblici, e delle strade di Laugavegur, AusturstrŠti e BankastrŠti. Sul lungomare Ŕ notevole la scultura del viaggiatore solare (Sˇlfar) di Jˇn Gunnar ┴rnason, mentre sulla cima della collina che sovrasta Reykjavik si trova la cattedrale HallgrÝmskirkja.

La HallgrÝmskirkja che sovrasta Reykjavik
La HallgrÝmskirkja che sovrasta Reykjavik

Il viaggio Ŕ proseguito dirigendoci a sud ovest verso la penisola di Reykjanes. La prima destinazione Ŕ stata Gar­ur dove, proseguendo verso la punta pi¨ a nord della penisola Gar­skagi, si pu˛ visitare uno dei fari pi¨ antichi dell'isola, affiancato da un'analoga struttura pi¨ recente metre il vecchio faro ospita un museo.

Il vecchio faro di Gar­skagi
Il faro Gar­skagaviti

Andando verso sud, si pu˛ visitare l'altro faro di Reykjanesviti, con la scogliera che ospita una nutrita colonia di gabbiani. Lascindo la 425 per visitare il faro, poi, si attraversa la zona termale di Gunnuhver, caratterizzata da estese solfatare, prima manifestazione delle aree geotermiche che caratterizzano la zona di GrindavÝk.

La scogliera a Reykjanesviti
La scogliera a Reykjanesviti

La tappa Ŕ proseguita fino al paese di GrindavÝk, dove abbiamo passato la notte.

Riferimenti

Continua